“Casa Mia”: il progetto de La Strada candidato all’Aviva Community Fund

C’è tempo fino al 29 marzo per sostenere  le mamme sole con bambini accolte e seguite da La Strada, votando il progetto candidato all’Aviva Community Fund.

Il progetto Casa Mia, avviato nel 2007, è un servizio di accoglienza e reinserimento sociale per mamme sole con bambini, segnalate dai Servizi Sociali e dall’Ufficio Pronto Intervento Minori. Sono donne in difficoltà, spesso vittime di violenza domestica, cui viene offerta innanzitutto una casa: un luogo protetto, dove trovare sicurezza e accoglienza.

Per votare è sufficiente registrarsi sul sito di Aviva Community Fund e votare il progetto Casa Mia
A questo link, maggiori informazioni sul progetto e sul bando Aviva

 

 

Nei terreni di Cascina Nosedo 18 nuovi progetti di impresa per sviluppare l’agricoltura periurbana

Saranno 18 i progetti di agricoltura periurbana che nasceranno nei prossimi mesi sui30 ettari di terreni messi a disposizione gratuitamente nell’ambito del progetto OpenAgri  attraverso il nuovo centro per l’innovazione aperta localizzato presso la Cascina Nosedo, “cuore” del Social Lab coordinato da La Strada .

Le idee vanno da un moderno impianto per la generazione di energia pulita, partendo dagli scarti organici agricoli e del vicino ortomercato, alla coltivazione idroponica dell’alimento del futuro, l’alga spirulina; dalla realizzazione di un moderno forno condiviso dove produrre pane e prodotti derivati da antiche farine, educando anche le persone alla corretta alimentazione, alla realizzazione di moderne serre automatizzate per la coltivazione di frutta e verdura a km0 da ordinare tramite smartphone. I progetti selezionati si sono focalizzati su tre macro ambiti: nuove produzioni e servizi agro-sistemici (5 progetti) innovazione tecnologica nella filiera agroalimentare (8 progetti) sharing economy e innovazione sociale (5 progetti)

“I risultati fatti segnare dal bando OpenAgri, con oltre 50 progetti giunti al vaglio dell’Amministrazione, dimostrano come sia significativa la volontà di confrontarsi, soprattutto per i giovani, con un settore come quello agroalimentare sempre più rilevante per l’economia della città e dell’intera nazione”. Così l’Assessore alle Politiche per il Lavoro, Attività produttive e Commercio Cristina Tajani, nella presentazione alla stampa del 16 gennaio scorso.

Tre i macro ambiti su cui si sono focalizzati i progetti:

  • nuove produzioni e servizi agro-sistemici (5 progetti)
  • innovazione tecnologica nella filiera agroalimentare (8 progetti),
  • sharing economy e innovazione sociale (5 progetti).

Sono 13 gli aspiranti neo imprenditori selezionati, 3 le imprese già costituite, 2 le Onlus e le Associazioni.

Il 77% dei progetti selezionati è stato presentato da ragazzi under 40

#MilanoSottoSopra
Innovare la campagna | Coltivare la città

Per approfondire