IL CAMMINO DEI MONACI - Nella cuore della Valle dei Monaci, da Chiaravalle a Viboldone

Con il terzo tratto del percorso ci si addentra nel cuore della Valle dei Monaci, un capolavoro di cultura materiale, dominato dagli straordinari complessi abbaziali e da un raffinato sistema agrario, caratterizzato un tempo dalla coltura irrigua e dalle marcite.

  • Persorso pedonale o ciclabile
DSC 5172

Entriamo ora nel cuore della Valle dei Monaci, un capolavoro di cultura materiale, dominato dagli straordinari complessi abbaziali e da un raffinato sistema agrario caratterizzato un tempo dalla coltura irrigua e dalle marcite.

In epoca medievale la presenza dell’Ordine Cistercense a Chiaravalle e dell’Ordine degli Umiliati a Viboldone e Mirasole portò a una rinascita di questo territorio che, dopo la caduta dell’impero romano e le invasioni barbariche, aveva conosciuto un lungo periodo di abbandono e rovina.

Agli ordini monastici si devono infatti le opere di bonifica dei terreni paludosi, la riorganizzazione del sistema idrico, il miglioramento delle strade e dei trasporti, la risistemazione della roggia Vettabbia.

Proprio intorno alla Vettabbia si snoda la terza tappa del Camino dei Monaci. Seguendo il suo corso appena dopo l’abitato di Civesio, si incontrano il Mulino Torretta e la corrispondente levata, gioiello di ingegneria idraulica che con le sue chiuse regola il livello delle acque del canale utilizzate per l’irrigazione dei campi.

Da qui si prosegue per raggiungere Viboldone, antichissimo borgo del Comune di San Giuliano Milanese, un tempo abitato da salariati agricoli e ora quasi del tutto spopolato.

Oggi, al centro di un territorio agricolo assediato dall’avanzare dell’urbanizzazione, il complesso del monastero, con l’Abbazia e l’antica Casa del Priore, rappresenta un presidio di resistenza contro il degrado di un tessuto connettivo di secolare memoria.

Il monastero, dove risiede stabilmente una comunità di monache che vive seguendo la Regola Benedettina, è aperto alla preghiera e qui singoli e gruppi trovano spazi di silenzio e di meditazione.