Nocetum - MILANO

Nocetum, il cui nome è da attribuire alla presenza un tempo di un antico bosco di noci, è un luogo di accoglienza, condivisione e spiritualità. La cascina ristrutturata era un’antica grangia, un’azienda agricola legata alla vicina abbazia di Chiaravalle.

  • Chiese Abbazie
  • Musei e luoghi di Cultura
  • Strutture di accoglienza
  • Nocetum DSC 6094
  • Nocetum DSC 6351
  • Nocetum Chiesetta dei santi Filippo e Giacomo DSC 6115
  • Nocetum DSC 6392
  • Nocetum DSC 6323
  • Nocetum Chiesetta dei santi Filippo e Giacomo DSC 6084
  • Nocetum DSC 6277
  • Nocetum DSC 6228
  • Nocetum DSC 6207
  • Nocetum DSC 6276
  • Nocetum DSC 6167
  • Nocetum - Chiesetta dei santi Filippo e Giacomo DSC 6118
  • Nocetum DSC 6103
  • Nocetum DSC 6096
  • Nocetum DSC 6408
  • Nocetum DSC 6222
  • Nocetum DSC 6275
  • Nocetum DSC 6131

Nocetum, il cui nome è da attribuire alla presenza un tempo di un antico bosco di noci, è un luogo di accoglienza, condivisione e spiritualità. Intorno alla chiesa dei Santi Giacomo e Filippo è nata infatti una comunità che si occupa di integrazione sociale e sostegno alle persone in difficoltà.

Nocetum svolge inoltre un ruolo di salvaguardia del territorio: dal 2006 è un Punto Parco e dal 2010 Porta del Parco Agricolo Sud Milano.

Nel borgo Nocetum, costituito attorno alla chiesetta di origini paleocristiane intitolata ai Santi Filippo e Giacomo, ha sede l'associazione Nocetum. Il Borgo comprende anche la cascina e due altri piccoli edifici, dedicati l’uno alle attività sociali e l’altro a bottega per la vendita di prodotti agricoli locali. La cascina corte San Giacomo – antica grangia dell’Abbazia di Chiaravalle – è stata completamente ristrutturata e predisposta per l’accoglienza di famiglie bisognose di assistenza per l’integrazione.

L’ampio salone a vetrate è disponibile per i momenti di socializzazione e l’ampio prato verde per momenti di attività all’aperto. Al suo interno, ha sviluppato una City farm. Il sito è di cerniera tra il quartiere del Corvetto e il Parco della Vettabbia; dal 2006 Nocetum è costituito a Punto Parco e dal 2010 ha assunto, per conto della Provincia di Milano, la funzione di Porta del Parco Agricolo Sud Milano.

Il Borgo è animato dall’Associazione Nocetum Onlus, fondata nel 1998 da suor Ancilla Beretta e dalle consacrate della Comunità di Nocetum, insieme a un gruppo di laici volontari.
Da diversi anni ormai, in rete con enti, istituzioni, associazioni presenti sul territorio, realizza progetti che coniugano i temi del sociale – in particolare dell’integrazione e della lotta all’emarginazione – con quelli della sostenibilità ambientale, dell’attività agricola e della promozione del territorio. 

 

CASCINA CORTE SAN GIACOMO

Per trovare le prime tracce del borgo Nosedo occorre risalire alla notizia della sepoltura del Vescovo di Milano morto nel 569. Un’immagine del borgo Nosedo quando era Grangia (antica azienda agricola) dell’Abbazia di Chiaravalle la troviamo nel Libro de li Prati del Monasterio di Chiaravalle del 1578. Seppure la Chiesetta fosse frequentata dal 1988 occorre arrivare fino al 2000 perché l'Associazione Nocetum potesse avere in uso gli immobili e gli spazi verdi circostanti.

Ora la Cascina Corte san Giacomo ospita una comunità religiosa che si occupa in particolare di accoglienza di persone disagiate e valorizzazione territoriale. Grazie alla sinergia tra Comunità, Amminisrazione Pubblica e territorio qui è nata  una City Farm

City Farm sta letteralmente per "fattoria urbana" ma il significato di questo nome è più complesso e rappresenta luoghi rurali gestiti da enti o associazioni dove si sperimentano forme di vita conviviale, progetti educativi, stili di vita in rapporto alla natura e agli animali ospiti. Le City Farm sono delle strutture situate in ambito urbano o periurbano che hanno l'obiettivo di far scoprire il legame che unisce mondo rurale e urbano.

La City Farm di Nocetum ospita nell'aia domestica circa 25 galline ovaiole e un gallo, faraone, conigli e altri volatili (a seconda della disponibilità stagionale).
Sono messe a dimora una decina di arnie (compresa un'arnia didattica) per la produzione del miele.
Nell'ortofrutteto vi è la produzione stagionale di ortaggi e un'aiuola rialzata funzionale alle attività programmate nel campo della didattica educativa di Nocetum: ciò è particolarmente interessante per la fruizione di quest'area che si presenta aperta e accessibile anche ai più piccoli e ai diversamente abili.

Il frutteto è stato piantumato in gran parte con antiche varietà non presenti sui normali canali commerciali e di mercato.
Oltre agli alberi da frutto, vi è una significativa coltivazione di piccoli frutti, piante aromatiche ed erbe officinali, il cui insieme crea la produzione di antichi sapori secondo tradizione e dove la diffusione della conoscenza è tra le principali finalità dell'azione di valorizzazione della Valle dei Monaci.

All'interno della city farm è inoltre presente un'Area Sperimentale e Didattica, uno spazio dove le associazini CISE2007 e Greem hanno realizzato una serra-laboratorio in cui compiere piccole sperimentazioni a carattere didattico e divulgativo. Nell'Area trova spazio anche una centralina meteo, che spedisce i dati rilevati a una consolle all'interno della serra-laboratorio.