Abbazia di Chiaravalle - MILANO

Edificata a partire dal 1135 grazie alla volontà di San Bernardo di Clairvaux, venne consacrata nel 1221. La struttura architettonica degli edifici monastici si è sviluppata secondo le regole cistercensi e vanta una torre nolare, nota come “la ciribiciaccola”. All’interno, sono ammirevoli gli affreschi trecenteschi mentre risalgono al Cinque e al Seicento la torre dell’orologio, alcune parti del coro e il rifacimento delle cappelle absidali.

  • Chiese Abbazie
  • Chiaravalle DSC 5247
  • Chiaravalle DSC 5462
  • Chiaravalle DSC 5291
  • Chiaravalle DSC 5257
  • Chiaravalle DSC 5231
  • Chiaravalle DSC 5228
  • Chiaravalle DSC 5223
  • Chiaravalle DSC 5209
  • Chiaravalle DSC 5208
  • Chiaravalle DSC 5191
  • Chiaravalle DSC 5162
  • Chiaravalle DSC 5185
  • Chiaravalle DSC 5173
  • Chiaravalle DSC 5767
  • Chiaravalle DSC 5631
  • Chiaravalle DSC 5549
  • Chiaravalle DSC 5614
  • Chiaravalle DSC 5571
  • Mulino Chiaravalle DSC 5472

Nell’antico borgo agricolo di Chiaravalle Milanese sorge l’omonimo complesso abbaziale.

Attualmente affidata alla Congregazione di S. Bernardo dell’Ordine Cistercense, l’Abbazia fu innalzata a partire dal 1135 grazie alla volontà di San Bernardo di Clairvaux e al supporto dei milanesi.

Importanti artisti dell’area milanese contribuirono alle decorazioni interne della chiesa tra il ‘500 e il ‘700 quali Bernardino Luini e i fratelli Fiammenghini. Di grande rilievo il coro ligneo seicentesco, all’interno della chiesa, e la torre nolare, detta “Ciribiciaccola”. All’ingresso del complesso abbaziale, sulla sinistra, c’è una piccola cappella dedicata a S. Bernardo e detta “delle donne”.

La foresteria offre ospitalità a quanti lo richiedono; durante la permanenza gli ospiti possono vivere i ritmi della comunità. Nel negozio, curato dai monaci, si vendono prodotti dell’abbazia o di altre realtà monastiche. Sono possibili visite guidate per singoli e gruppi.  

All’abbazia è collegato anche l’Antico mulino di Chiaravalle, ariaperto al pubblico dalla primavera del 2009 dopo impegnativi interventi di restauro. Negli spazi interni del mulino e nell’orto dei semplici si propongono, a cura della cooperativa sociale Koinè, visite guidate e laboratori di educazione alla sostenibilità, in stretta relazione con la storia e la realtà monastica in cui è immerso il mulino.